News

News del 12 settembre 2017
No agli sgravi se l’azienda non comunica il nome del responsabile del servizio di protezione
La Cassazione, con la sentenza 21053/2017, conferma la condanna nei confronti dell’azienda, già espressa in secondo grado.
Se l’impresa non comunica entro i termini prescritti dalla legge il nome del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, perde gli sgravi contributivi. Così la Corte di Cassazione con la sentenza 21053 dell’11 settembre 2017, con la quale la Suprema Corte ha confermato la valutazione d’Appello che aveva respinto il ricorso dell’azienda.

Secondo gli Ermellini, è essenziale comunicare all’ispettorato del lavoro e all’Asl il nominativo della persona designata: gli adempimenti della normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro sono inderogabili e, per questo, la designazione di un soggetto garante è «presidio della completa e corretta applicazione delle misure adottate».
 
 

N. 2/2018

Periodo di riferimento:

dal 16 al 31 gennaio 2018

Scarica pdf Scarica word

News

16/01/2018

Dichiarativi, on-line i nuovi modelli 2018
Dichiarazioni 730, certificazione unica, Iva, 770,...

16/01/2018

Niente sequestro se i beni societari sono stati acquistati...
La Cassazione, con la sentenza 926/2018: il Tribunale...

Rassegna Stampa

15 gennaio 2018

Il Sole 24 ore
La data decide il bonus investimenti
Paolo Meneghetti (pag.19)

Italia Oggi
Cbcr, al via le comunicazioni
Stefano Loconte – Irene Barbieri (pag.6)

Loading

Scadenze

© Copyright OPEN Dot Com Spa - Corso Francia, 121 d - 12100 Cuneo - Tel. 011 5069533 - Mail: info@solmap.it
Cod. fiscale e p. IVA 02926100047 -  Privacy Policy - Cookie Policy