News

News del 10 novembre 2017
Atto simulato la compravendita di un immobile tra parenti soci della stessa Srl
La Cassazione, con la sentenza 51078/2017, respinge il ricorso della parte contribuente. L’immobile era troppo lontano per giustificare la compravendita.
La compravendita dell’immobile in favore del socio di minoranza che, tuttavia, vive molto lontano, è da considerarsi come un atto simulato. Lo sostiene la Cassazione con la sentenza 51078/2017, che ha condannato il socio che ha acquistato con un mutuo l’immobile di proprietà della Srl.

Già la Corte d’Appello aveva condannato il socio, evidenziando come la distanza notevole (da un capo all’altro della penisola) facesse pensare che non sussistessero motivi di natura commerciale o personale; inoltre, la trattativa si era svolta nell’esclusivo ambito familiare, visto che padre e figlio erano entrambi soci della stessa Srl, la quale aveva venduto l’immobile pochi giorni dopo la notifica di un estratto di ruolo da parte dell’agente della riscossione. In questo modo, l’Erario aveva perso un’importante garanzia del credito vantato.
 
 

N. 2/2018

Periodo di riferimento:

dal 16 al 31 gennaio 2018

Scarica pdf Scarica word

News

16/01/2018

Branch exemption, nuovi chiarimenti. Integrative senza...
Una Risoluzione sana il disallineamento tra le indicazioni...

15/01/2018

Sospesi più di 14 mila revisori
Congelati dal Registro i professionisti che non hanno...

Rassegna Stampa

15 gennaio 2018

Il Sole 24 ore
La data decide il bonus investimenti
Paolo Meneghetti (pag.19)

Italia Oggi
Cbcr, al via le comunicazioni
Stefano Loconte – Irene Barbieri (pag.6)

Loading

Scadenze

© Copyright OPEN Dot Com Spa - Corso Francia, 121 d - 12100 Cuneo - Tel. 011 5069533 - Mail: info@solmap.it
Cod. fiscale e p. IVA 02926100047 -  Privacy Policy - Cookie Policy