News

News del 07 dicembre 2017
Raddoppio dei termini per il Fisco anche se il reato è prescritto
La Cassazione, con l’ordinanza 28916/2017, accoglie il ricorso dell’Agenzia delle Entrate.
L’Amministrazione Finanziaria ha più tempo per gli accertamenti: il raddoppio dei termini è infatti consentito anche qualora il reato fiscale sia già prescritto. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con l’ordinanza 28916/2017, con la quale il Palazzaccio ha accolto il ricorso delle Entrate.

La Corte ha ribaltato la decisione della CTR: la soglia della rilevanza penale – relativa al raddoppio dei termini – è da valutarsi al momento in cui è stata commessa la violazione. Ai fini del solo raddoppio dei termini, rileva l’astratta configurabilità di un’ipotesi di reato e non l’emanazione di una sentenza di condanna o di assoluzione da parte del giudice penale.
 
 

N. 24/2017

Periodo di riferimento:

dal 16 al 31 dicembre 2017

Scarica pdf Scarica word

News

15/12/2017

Commercialisti del lavoro, on-line la lettera d’incarico...
Il fac-simile si può scaricare sul software Mandato...

15/12/2017

L’imprenditore rinnova i contratti ma non versa l’IVA:...
Con la sentenza 55480/2017, la Cassazione ha respinto...

Rassegna Stampa

15 dicembre 2017

Il Sole 24 ore
Risanamento a rischio maxiprelievo
Luca Gaiani (pag.28)

Il Sole 24 ore
Carburanti, nuova stretta sulle frodi IVA
Marco Mobili e Marco Rogari (pag.29)

Loading

Scadenze

© Copyright OPEN Dot Com Spa - Corso Francia, 121 d - 12100 Cuneo - Tel. 011 5069533 - Mail: info@solmap.it
Cod. fiscale e p. IVA 02926100047 -  Privacy Policy - Cookie Policy