NEWS

13 novembre 2017
Accertamento della GdF senza contradditorio
Avendo natura amministrativa, l’attività della Guardia di Finanza non è retta dal principio del contradditorio. Lo hanno spiegato i giudici della Cassazione con l’ordinanza 26652/2017.
Anche se non sono state contestate immediatamente, le informazioni emerse in sede di verifica delle Fiamme Gialle sono comunque utilizzabili e possono diventare un supporto della pretesa impositiva. La Cassazione, con l’ordinanza 26652/2017, ha bocciato il ricorso di un contribuente, che aveva impugnato alcuni avvisi IRPEF: la pretesa dell’Erario era basata su alcune indagini fiscali della Guardia di Finanza, dalle quali erano emersi dati utili per fondare l’atto impositivo. Secondo la Corte, l’attività delle Fiamme Gialle, avendo natura amministrativa, non è basata sul principio del contraddittorio. La mancata contestazione non può essere quindi un supporto per poter dichiarare nullo l’atto.
 

Stampato da www.solmap.it